• Racconti di scuola

    a cura di Pier Giorgio Viberti

Consigliato per le classi I-II

 

L’argomento. Per la maggior parte i brani prescelti sono umoristici, alcuni addirittura caratterizzati da un’irresistibile comicità. A ben guardare, di occasioni per sorridere e ridere se ne presentano tutti i giorni nell’universo della scuola, popolato dai personaggi più strani e imprevedibili, fra cui, in primo luogo, proprio loro, gli insegnanti. Naturalmente il libro non offre soltanto una galleria di personaggi stravaganti e spassosi. Parlare di scuola significa anche affrontare problemi seri, poiché essa è il luogo in cui dovrebbero stabilirsi fra docenti, allievi e genitori, rapporti costruttivi e decisivi per la formazione dei giovani.

 

La struttura. L’antologia di racconti è suddivisa in percorsi (Alunni terribili, Buoni e cattivi insegnanti, Scene di vita scolastica, Tempo di esami, Esami molto “speciali”, Bocciamo i genitori) e affronta il tema della scuola da angolazioni diverse ma senza annoiare, con uno stile vivace, accattivante, il più possibile divertente, nella convinzione che la scuola, pur essendo un’istituzione straordinariamente importante, non debba spegnere quella voglia di riso e di gioco che è propria dell’età giovanile.
La raccolta antologica è un’ottima occasione per leggere testi piacevoli e anche di buon livello, scritti da autori classici (Giovanni Guareschi, Giovanni Mosca, Massimo D’Azeglio), da scrittori moderni (Gianni Rodari, Lucio Mastronardi, Stefano Benni) e da scrittori molto noti ai giovani (Luis Sepùlveda, Dick King-Smith, Domenico Starnone e Joanne K. Rowling). La scelta dei brani risulta in perfetto equilibrio tra modernità e tradizione, tra umorismo e seriosità.

 

  Racconti di scuola_Anteprima.pdf 

Download (PDF, 161KB)